Il Protocollo Zero al Cubo nelle case in legno


Oggi progettare e realizzare edifici a bassissimo consumo energetico, rispettosi dell’ambiente e del benessere delle persone è possibile.
Il Protocollo Tecnico Costruttivo Zero al Cubo promuove la progettazione e realizzazione di edifici che rispettano l’ambiente, garantiscono efficienza termica, sicurezza, durabilità e benessere abitativo per gli occupanti.

Zero al Cubo è un protocollo che affianca una progettazione energetica ed ambientale dettagliata ad una organizzazione costruttiva controllata, verificata e misurata nelle fasi esecutive di cantiere.

Sostiene e promuove una certificazione indipendente con sigillo di qualità. Anche se la certificazione è volontaria e non imposta, conviene perché è una garanzia in più di elevati standard qualitativi e di benessere abitativo.

E’ costituto da 8 livelli, fattori di qualità, che si basano su una serie di requisiti obbligatori oggetto di aggiornamenti periodici che indicano le migliori tecnologie edilizie ed impiantistiche oggi presenti sul mercato.

Gli 8 fattori di qualità del Protocollo Zero al Cubo

  1. Sicurezza sismica
  2. Resistenza e sicurezza al fuoco
  3. Certificazione Climabita per efficienza energetica
  4. Comfort acustico
  5. Tenuta all’aria e monitoraggio dell’umidità
  6. Ventilazione meccanica controllata
  7. Qualità aria indoor con Biosafe
  8. Durabilità nel tempo

Qui trovate maggiori informazioni sul Protocollo Zero al Cubo.