Climabita


Attualmente in Unione Europea, oltre il 40% dell’energia che serve per riscaldare e raffrescare, e nello stesso tempo il 38% di emissioni di gas climalteranti nell’atmosfera, vengono prodotti dal settore dell’edilizia.
L’Unione Europea sta correndo ai ripari è si è posta come obiettivo la riduzione di emissione di gas serra dell’80-95% entro il 2050 rispetto al 1990.
Oggi stiamo vivendo la tappa intermedia di questo percorso, infatti a partire dal 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione negli stati membri, dovranno essere nZEB, near Zero Energy Building, ovvero ad energia quasi zero.

Con la Certificazione Climabita abbiamo edifici a basso consumo energetico

Oggi l’edilizia presenta know how, maestranze e sistemi atti a modificare le abitudini negative e ad aumentare l’efficienza energetica degli edifici, riducendo il più possibile i consumi energetici, oltre ad utilizzare energia proveniente da fonti rinnovabili e la Certificazione Climabita è proprio uno di questi strumenti: riusciamo a progettare e realizzare edifici a bassissimo consumo energetico, rispettosi dell’ambiente e del benessere delle persone.

La Fondazione Climabita si occupa di certificazione energetica nell’edilizia mettendo al centro il tema dell’efficienza energetica, del risparmio dell’energia, della protezione del clima ma anche come possiamo migliorare la qualità degli ambienti che costruiamo tenendo conto di un’esigenza importante: la salubrità ed il benessere delle persone.
Ogni casa certificata Climabita ha la sua carta di identità in cui è descritto come si comporterà a livello energetico.

Classificazione degli edifici certificati Climabita

Con il Protocollo di Certificazione Climabita gli edifici vengono valutati dal punto di vista dell’efficienza energetica e si suddividono in:

  • Classe Superior che è paragonabile a nZEB con maggior riguardo all’involucro piuttosto che a produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • Classe Premium oltre ad avere un fabbisogno di energia primaria ancor più basso rispetto alla Superior, ha anche un valore di tenuta all’aria ancora più performante, concettualmente paragonabile a Passivhaus.

Il requisito minimo per la accedere alla certificazione è chiaramente la completa conformità alla legislazione in materia di contenimento dei consumi energetici.

Una volta stabilito dal Supervisore Energetico ClimAbita che il progetto ed il calcoli sono conformi, si può dare inizio all’attività di cantiere. Durante la costruzione dell’edificio saranno effettuati continui controlli per verificare la corretta esecuzione secondo il progetto approvato.

Una volta terminata la casa certificata Superior o Premium, sarà possibile monitorare i consumi energetici per individuare e correggere eventuali gestioni non corrette degli impianti installati.